MOBBING, STRESS, BURNOUT

I termini Mobbing (da to mob = aggedire/allontanare), Stress (da to stress = sforzare) e Burnout (to burn = bruciare, esaurire) indicano fenomeni differenti che hanno tutti origine all’interno di un ambiente di lavoro. Questi fenomeni interessano tutti i lavoratori e tutti i contesti di lavoro ma vengono a configurarsi come patologia* solo in alcuni casi, quando l’azienda porta alle estreme conseguenze alcuni atteggiamenti e comportamenti, volti per l’appunto ad aggredire/allontanare, a sforzare/stressare a bruciare ed esaurire.

Si può intervenire a differenti livelli per affrontare questi fenomeni, sia a livello preventivo, sia a livello di riduzione del danno.

Dal punto di vista organizzativo è necessario intervenire sui punti critici aziendali, quali possono essere gli stili di leadership, i modelli organizzativi, le risorse personali ecc. Tali interventi, pur riscontrando un buon rapporto costi/efficacia creano molte resistenze in azienda in quanto richiedono a tutti di rimettersi in gioco nelle dimensioni più personali e intime: si richiede un cambiamento di atteggiamento e di cultura organizzativa e non la semplice sostituzione di un “pezzo rotto”.

Da un punto di vista personale, invece, possono essere previsti:

  • Interventi psicologici / psicoterapeutici: volti a supportare l’individuo nell’acquisizione di strategie di coping (di fronteggiamento) per affrontare con efficacia le situazioni problematiche o per ristabilire una situazione di benessere in caso di disagio conclamato;
  • Interventi psicodiagnostici volti ad accertare l’entità e la tipologia del danno subito a fini peritali.

*Sebbene in alcuni certificati medici possa essere scritto “affetto da mobbing o da stress”, in realtà queste sono patologie dell’organizzazione e non dell’individuo. Si potrebbero meglio descrivere come patologie dell’organizzazione che hanno effetti negativi sull’individuo.